Ischia e le sue energie – pensieri

Parlare di Ischia non è facile, soprattutto se gli argomenti ad essa legati riguardano la Spiritualità, materia indissolubile dalla natura delle sue energie. Il “microcosmo” Ischia è da considerare un’entità biologica a tutti gli effetti, armoniosamente inserita in quel contesto multidimensionale che spesso viene chiamato “Creazione” o “Creato Manifesto”. Nulla ad Ischia accade per caso e nulla esiste per caso. Le sue energie, ben legate al contesto delle sue acque curative, fanno dell’isola una meta per coloro che “meritano” venirci. Riesce a far sorridere l’idea che Ischia possa aver bisogno di “operatori olistici” in grado di curarla o di migliorarla. In effetti questo discorso vale al contrario; chi si ritrova in certi luoghi significa che Ischia ha da svolgere un lavoro sull’entità uomo o l’isola ha in serbo un progetto da attuare su larga scala che prevede l’apporto di particolari persone. Ultimamente poi iniziano a “fioccare” nuovamente pubblicità riguardanti il legame tra Ischia e la Terra Cava, e molto spesso se ne parla senza neanche conoscere il minimo indispensabile; tutto per fare pubblicità alle “proprie attività”. Ma la questione del tirare acqua al proprio mulino è cosa antica e noi lasciamo scorrere guardando oltre, perchè come al solito c’è molto fumo e poco arrosto. Il caso poi di alcune sorgenti d’acqua “sature” di eventi olistici di ogni genere lascia ancor più meravigliati; basterebbe solo silenzio e pace per connettersi. Null’altro. Ma sarà l’isola e le sue energie a ristabilire come al solito l’equilibrio energetico. Ma andiamo avanti. Il nostro oramai annoso studio sulle correnti energetiche isolane ci ha permesso di individuare numerosi punti focali ma anche semplici nodi e punti di irraggiamento energetico. Nulla di nuovo sotto al sole, certo, ma tutto ciò permette di capire certe dinamiche proprie dell’isola d’Ischia. Ad esempio, all’osservatore “attento” non sarà sfuggito il fatto che, partendo da Ischia con direzione Sant’Angelo, già arrivati verso Forio le energie divengono diverse; sono più cariche, la natura risponde in maniera differente. Questo fenomeno si intensifica nella stessa Sant’Angelo. Basta salire verso la Madonnella per avvertire il cambiamento energetico. In realtà molte di queste “correnti” energetiche caratterizzanti la nostra isola hanno un proprio lavoro da svolgere; spesso a nostra insaputa, ma utilizzabili quando se ne prende coscienza. E’ il caso del sentiero della Madonnella che attraversa alcune linee energetiche della zona in grado di agire sulla nostra intuizione. Alcuni giorni addietro, in totale anonimato, la nostra Associazione ha ridato vita ad una tecnica antica di secoli; i Menhir, focalizzatori energetici ben noti in antichità, richiedevano una tecnica di attivazione in grado di potenziare, per un periodo limitato, i loro effetti energetico-focalizzanti. La stessa tecnica è stata usata con successo sull’Albero Maestro di Fondo D’Oglio, anch’esso focalizzatore energetico di natura “biologica” (ovviamente sempre a beneficio della comunità). Lo storico non abbia a formulare domande in merito; la storia necessita documenti ma lo Spirito ha bisogno di ben altro…

The “Menhir du Champ Dolent”, neolithic megalith in Eastern Brittany, France. It is the highest menhir in Brittany.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *